Le nuove commissioni di Airbnb: cosa significa per i viaggiatori

Condivisione delle informazioni di prenotazione
22 Marzo 2019
Mostra tutto
nuove commissioni airbnb

Ormai lo sappiamo bene: una delle cose più fastidiose per i viaggiatori su Airbnb è che il conto finale è sempre leggermente superiore a quello pubblicizzato come prezzo per notte.

Questo è dovuto principalmente alle commissioni applicate da Airbnb.

E' possibile però che nel prossimo futuro questi costi potrebbero scomparire per alcuni soggiorni prenotati tramite Airbnb.

A partire da giugno, infatti, i viaggiatori potrebbero non pagare più alcuna commissione ad Airbnb quando prenotano hotel selezionati e affitti gestiti da host professionali.

Fino ad oggi, Airbnb addebitava ai viaggiatori una commissione fino al 20% del costo totale del soggiorno, oltre ad addebitare agli host una commissione pari al 3/5% su ogni prenotazione.

Insieme, queste commissioni costituiscono il costo totale del servizio di Airbnb e rappresentato circa il 23-25% del totale di un soggiorno.

Questi guadagni sono la linfa vitale di una società che ha un valore di circa 35 miliardi di dollari.

Ma ora che il sistema di Airbnb si è evoluto per includere affitti gestiti in modo più professionale e persino hotel (Airbnb ad aprile ha acquisito la piattaforma di prenotazione alberghiera last minute HotelTonight), il colosso americano sta cominciando a modificare la sua struttura dei prezzi.

La nuova politica renderà Airbnb molto più simile ai suoi principali concorrenti, tra cui le agenzie di viaggio online come Booking.com e le compagnie alberghiere tradizionali, che si sono recentemente affacciate nel business dell'home sharing, come Marriott.

Sia Booking.com che Marriott non applicano costi di servizio agli utenti sia per le sistemazioni alternative che per gli hotel.

VRBO, di proprietà di Expedia, così come Airbnb, invece continuano a farlo.

nuove commissioni airbnb

A partire dal 4 giugno, Airbnb richiederà ad ogni nuovo hotel che inizia ad utilizzare la sua piattaforma una commissione del 14%, ad eccezione degli hotel situati in Giappone e Cina.

Gli host professionali di proprietà su Airbnb, ad eccezione di quelli con sede in Giappone e Cina, potranno invece scegliere tra due opzioni.

O restano con la vecchia politica tariffaria, quella in cui sia gli ospiti che gli host pagano una somma ad Airbnb, oppure adottano la nuova, dove pagano il 14% a Airbnb, mentre i loro ospiti non devono pagare alcuna commissione.

Airbnb ha affermato che, a seconda della regione, una delle due politiche verrà impostata come predefinita, ma gli host potranno scegliere quale desiderano utilizzare.

Tutti gli host Airbnb esistenti che hanno iniziato ad utilizzare Airbnb prima del 4 giugno, indipendentemente dal fatto che siano professionali o meno, possono continuare a utilizzare la vecchia politica tariffaria.

Questa mossa indica che Airbnb, così come i suoi concorrenti, si sta evolvendo per offrire ai suoi utenti prodotti più professionali, sia sotto forma di alberghi tradizionali che di case vacanze.

Per questo l'azienda si è resa conto che deve adattare il suo modello di commissioni per rendere le cose più semplici, non solo per i suoi clienti, ma anche per i fornitori di servizi di alloggio professionali, che non utilizzano esclusivamente Airbnb per gestire le prenotazioni.

"Era qualcosa che host professionali e hotel ci chiedevano da tempo", ha detto un portavoce di Airbnb . "Li aiuta a incrementare le prenotazioni e ad avere tariffe più competitive tra le diverse piattaforme su cui sono presenti."

Durante una fase di test della nuova politica tariffaria, Airbnb ha riscontrato che gli host che hanno rimosso la commissione per gli ospiti hanno registrato un aumento delle prenotazioni.

Il portavoce ha poi aggiunto: "Da punto di vista dei clienti, non ci dovrebbero essere cambiamenti. Sarà il proprietario ad assumersi il costo di servizio di Airbnb."

commissioni airbnb

Che significa questo per te

Più trasparenza

Per i viaggiatori, anche se non c'è molta differenza in termini di esperienza di prenotazione Airbnb, ci sono ovvi benefici nel non dover pagare una commissione.

La maggior parte delle agenzie di viaggio online e delle catene alberghiere, tra cui Booking.com e Marriott, non addebita commissioni agli ospiti, mentre Airbnb, insieme a VRBO e HomeAway di proprietà di Expedia, si distinguevano da questo punto di vista.

"Dal punto di vista dell'ospite, è molto più bello vedere il prezzo finale rispetto a dover calcolare quale sia il costo una volta aggiunte le commissioni", ha affermato Alex Nigg, fondatore e CEO di Properly , piattaforma specializzata in servizi per gli host di Airbnb.

"La vedo come una chiara vittoria, soprattutto per i viaggiatori", ha detto il CEO di Rented.com Andrew McConnell, la cui società collega i proprietari di case a società di gestione immobiliare. "La cosa più importante che la maggior parte della gente vuole è la chiarezza. Sì, in genere poi le commissioni vengono sempre ribaltate sul consumatore in qualche modo, quindi il prezzo finale probabilmente non cambierà molto. Tuttavia, l'importanza di vedere un solo prezzo e sapere che è quello che effettivamente pagherai non può essere sottovalutato. "

Probabilmente prezzi più alti

Tuttavia, gli host professionali o gli hotel che decideranno di utilizzare la nuova politica tariffaria potrebbero non gradire il fatto che le loro commissioni su Airbnb aumentino dal 3/5% al ​​14%.

Tradizionalmente, questi soggetti preferivano utilizzare Airbnb rispetto ad altre piattaforme perché le commissioni di Airbnb erano inferiori.

Rispetto ad una commissione del 20-25% pagata su Booking o Expedia, lo stesso hotel, con la politica originale di Airbnb, avrebbe pagato solo il 3-5% su Airbnb per una prenotazione.

Ora, tuttavia, la percentuale viene aumentata del 9-11% in più. Per compensare i costi aggiuntivi delle commissioni, alcuni di questi hanno ritoccato al rialzo le tariffe per notte.

Gli esperti di noleggio a breve termine, tuttavia, non sono d'accordo sul fatto che questa sarà una transizione facile per gli host professionali. Nigg ritiene che questo rappresenti un semplice "aggiustamento" e renderà "più facile per host e hotel avere prezzi uniformi sulle diverse piattaforme".

Pertanto, la tariffa che vedrai su Booking per la stessa sistemazione privata o casa vacanze sarà probabilmente la stessa che vedrai su Airbnb. In altre parole.

"Potrebbe creare diversi grattacapi a chi gestisce diverse proprietà", ha detto Simon Lehmann, co-fondatore e CEO di AJL Consulting , una società di consulenza nell'ambito degli alloggi privati ​​e delle case vacanze. "Airbnb è diventato un canale molto conveniente per loro, e ora devono capire come trasferire le nuove commissioni ai proprietari."

Lehmann, inoltre, si chiede se questa nuova politica tariffaria alla fine non costringerà i proprietari di immobili che affittano su Airbnb e altre piattaforme ad adottare la prenotazione istantanea e a migliorare la qualità degli annunci.

Staremo a vedere.

commissioni airbnb

È ancora un posto dove stare

Sebbene l'home sharing abbia guadagnato una larga fetta del business dell'ospitalità, esistono ancora tantissimi turisti che preferiscono un albergo.

Le due tipologie sono quindi complementari nell'economia generale del turismo.

È per questo che grandi player dell'home sharing come Airbnb stanno aggiungendo gli hotel alla loro offerta, mentre le società alberghiere tradizionali come Marriott si sono aperte alle case vacanze.

Nigg, che è anche un host Airbnb nonché frequente utilizzatore, ha aggiunto: "[Questa politica dei prezzi] ha senso in una prospettiva di convergenza. Poiché gli ospiti che sono interessati sia a sistemazioni alternative che tradizionali, potranno vedere lo stesso prezzo sia per l'hotel che per un affitto. Un prezzo tutto incluso. "

Lehmann prevede che, abbastanza presto, mentre i confini tra alloggio privato e tradizionale si confonderanno sempre più, Airbnb e le altre piattaforme di affitti brevi adotteranno una politica tariffaria più simile a quella che usano gli hotel.

commissioni airbnb

Le sistemazioni alternative non sono così... alternative

La leggenda vuole che i fondatori di Airbnb abbiano cominciato affittando dei materassini gonfiabili nel loro appartamento di San Francisco ad alcuni partecipanti ad una conferenza di design nel 2008.

Quella si che era una sistemazione alternativa! Ma più di 10 anni dopo, le sistemazioni alternative si sono seriamente evolute.

Le piattaforme come Airbnb, Booking e VRBO hanno reso molto più facile per i viaggiatori prenotare questi tipi di soggiorni. A loro volta, i viaggiatori oggi si aspettano di più da queste sistemazioni.

"È anche un indicatore di una maggiore standardizzazione in tutto il settore, cosa che, visto che le sistemazioni alternative stanno diventando sempre più mainstream, è certamente necessaria", ha detto McConnell di Rented.com. "Fino ad oggi, è stato fantastico vedere queste piattaforme sbocciare mentre le persone potevano provare diversi modelli di business in quello che era in gran parte ancora uno spazio nascente. Dato che il settore è cresciuto in termini di dimensioni e maturità, penso che possiamo aspettarci, per il futuro, questo tipo di adattamento del modello di business anche in altri settori ".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*