I boutique hotel hanno degli annunci su Airbnb

3 suggerimenti per ospitare persone affidabili
Come evitare ospiti indesiderati
12 Dicembre 2015
Come identificare i concorrenti su Airbnb
Come identificare la concorrenza su Airbnb
18 Dicembre 2015
Mostra tutto

boutique hotel

Nel mese di novembre, l'azienda da 25 miliardi di valore, ha annunciato di voler iniziare a raccogliere le tasse alberghiere, di voler condividere i dati anonimi su vacanze in città, e di verificare che gli host affittassero una sola proprietà piuttosto che tanti diversi alloggi al solo fine di lucrare. Queste azioni stanno in qualche modo aiutando Airbnb ad uscire da quell'immaginario di "hotel killer".

In linea con queste nuove politiche l'azienda ha condiviso i dati di tutte le 59,242 inserzioni in corso a New York City, evidenziando coloro i quali stavano dando in affitto anche altre proprietà evidentemente non di loro possesso.
Secondo il New York Times, la risposta sembra essere non molti:

Dal novembre 2014 al novembre 2015, circa il 75 per cento dei ricavi tra host attivi a New York che condividono la loro intera casa è venuto da persone che hanno solo uno o due proprietà in affitto sulla piattaforma.

Quindi gli "alberghi illegali" potrebbero non essere così diffusi come alcuni critici sospettano. Ma in una torsione interessante, alcuni degli ospiti che elencano tre o più intere case sul sito, che rappresentano complessivamente 3.500 annunci in New York, sono effettivamente hotel.

Secondo Fast Company, molti boutique hotel si rivolgono alla piattaforma come servizio di prenotazione simile a Expedia o Priceline.

Ha senso. Non è un segreto che l'ascesa di Airbnb al dominio globale degli alloggi ha fatto molto male al settore alberghiero. Un'inserzione di un piccolo hotel lo rende molto più visibile per i potenziali ospiti. Inoltre Airbnb prende solo il 3% di commissione per gli host, una percentuale nettamente inferiore ad altri competitor che arrivano  aprendere tra il 15 e il 20%.

Stephan Westman, un consulente settore alberghiero, afferma: "Qualsiasi hotel che ha bisogno di riempire le camere dovrebbe mettere l'annuncio su Airbnb, non capisco il motivo per cui non avrebbero bisogno di usarlo come uno dei loro rami di marketing."

The Box House Hotel in Nord Greenpoint, Brooklyn, che offre suite in stile appartamento, lista almeno cinque delle sue nove stanze su Airbnb; il Riff di Manhattan, che recentemente è stato convertito convertito da ostello a hotel, elenca una stanza privata e The Union Hotel a Gowanus, Brooklyn, pubblicizza "pavimenti soffici, letti su misura imbottiti, bagni con piastrelle penny, e lampadari deco," e conclude, "punta di diamante è un eufemismo."

Alberghi e ostelli anche a Los Angeles, Denver, Chicago, Honolulu hanno cominciato a pubblicare annunci.

Questa tendenza potrebbe essere anche il motivo per il quale Expedia ha recentemente acquisito uno dei concorrenti diretti di Airbnb, HomeAway, per 3.9 miliardi di dollari a novembre.