Nuovi termini di cancellazione Airbnb per la Corea del Sud

Cos’è una locazione turistica
4 aprile 2017
Nuove statistiche Airbnb
10 aprile 2017
Mostra tutto

Airbnb ha appena terminato una diatriba lunga più di un mese con il governo della Corea del Sud circa i propri termini di cancellazione considerati troppo rigidi in quel mercato.

Al termine di questo mese Airbnb rilascerà degli aggiornamenti per tutte le proprietà presenti su Airbnb South Korea rendendo, di fatto, i termini di cancellazione molto più a favore degli ospiti.

Rimborso fino al 100%

Rispetto al termine di cancellazione "rigido", che prevede a livello mondiale un rimborso del 50% fino ad una settimana prima dell'arrivo, i nuovi termini della Corea del Sud danno la possibilità di ricevere un rimborso del 100% fino a 30 giorni prima dell'arrivo degli ospiti.

Qualche mese fa, in Italia, Airbnb introdusse i nuovi termini di cancellazione a cui avevo dedicato un articolo ad hoc. In breve, in funzione di quale termine di cancellazione l'host sceglie, varia la commissione da riconoscere ad Airbnb. Più i termini sono a favore dell'host, più alta è la percentuale da riconoscere alla piattaforma.

Successivamente all'introduzione di queste nuove politiche gli host italiani si sono mossi per cercare di far tornare sui propri passi il colosso americano. E' stata creata una petizione online su Change.org ma, ad oggi, Airbnb non ha fatto alcun passo indietro.

Come funzionerà in Corea del Sud

Se un ospite prenota una sistemazione in Corea del Sud e ha un ripensamento entro 30gg dalla data del suo arrivo, riceverà un rimborso del 100%. Ma non solo. Riceverà anche il rimborso delle commissioni di Airbnb che, in Corea del Sud, variano tra il 6% e il 12%.

Per tutte le prenotazioni che verranno cancellate tra i 30 giorni e fino al giorno prima dell'arrivo, gli ospiti riceveranno un rimborso del 50%.

Patrick Lee - Airbnb country manager per la Corea del Sud

Cosa succederà nel resto del mondo

Un dirigente del KFTC (Korea’s Fair Trade Commission) ha affermato di essere in contatto con la sede centrale di Airbnb a San Francisco e che l'azienda ha confermato di voler modificare i termini di cancellazione, così come fatto in Corea del Sud, anche in tutto il resto del mondo.

Airbnb, però, ha negato di voler fare portare avanti questa mossa e che il cambiamento in Corea del Sud è stato deciso solo perchè espressamente richiesto dal governo di quella nazione.

Solo il tempo ci dirà chi sta mentendo.
E' evidente che, se queste nuove politiche verranno implementate anche in Italia, potrebbero rappresentare un grosso problema per gli host che si potrebbero veder cancellata una prenotazione il giorno prima ricevendo solo il 50% al netto delle commissioni Airbnb.

E voi che tipo di termini di cancellazione avete impostato sulla vostra proprietà?
Nel mio corso c'è un capitolo dedicato a questo argomento, dove ti consiglio quale termini di cancellazione utilizzare in funzione del tuo alloggio e del tuo stile di hosting. Prova a dargli un'occhiata!